Get a site
Camminata tra

Marana e Montefalcone

tra nuvole e natura

Domenica scorsa sono stata a camminare con mio fratello sulle montagne dietro casa.

Volevamo salire a Cima Marana come facciamo più volte l’anno, ma anziché fare uno dei due sentieri più conosciuti, quelli che partono dalla Contrada Gebbani (o Castagna) e salgono direttamente il monte, abbiamo deciso di prendere il sentiero 203, che dai Gebbani va verso Malga le Casoline e poi si collega alla strada che dalla Piatta va verso Montefalcone.

Il sentiero 203

Prendendo il sentiero che parte tra i Gebbani e i Castagna per salire diretto verso Cima Marana (quello che noi chiamiamo “del coston”), poche centinaia di metri dopo la partenza si trova un bivio che porta a sinistra verso la cima, a destra verso Malga Casoline, che è il sentiero 203.

Qui eravamo vicini alla Malga Casoline, a circa un’ora dalla partenza.

Il 203 è più lungo e faticoso rispetto a quello che va a Marana da sinistra dei Gebbani, ma è quasi interamente all’ombra e attraversa un bosco bellissimo.

Passo della Porta

Dopo circa due ore di cammino (considerate che non sono affatto allenata) siamo arrivati a Passo della Porta, sulla strada sterrata che collega Campodavanti a Montefalcone.

Anziché proseguire sulla strada per andare verso Montefalcone, siamo saliti sul crinale e abbiamo seguito il sentiero delle creste. 

Solo che dall’altro lato della montagna c’era un gran nebbione e non si vedeva niente.

La vista da lassù è spettacolare.

Lo so perché ho fatto lo stesso sentiero un anno fa, in una bella giornata di sole. 

E allora vi ripropongo le foto dell’anno scorso, per darvi un’idea.

Le creste un anno fa

Si vede Cima Carega con il Rifugio Fraccaroli da lassù, se non c’è la nebbia.

Verso Montefalcone

Ci sarà stata anche la nebbia, ma io ho trovato comunque delle cose meravigliose da fotografare.

Finalmente il Rifugio Montefalcone

Ci è voluta mezz’ora abbondante per arrivare al rifugio dal Passo della Porta, un po’ perché cominciavo ad essere stanca e le salitine mi spezzavano, un po’ perché impegnata a fare foto.

Pranzo al Rifugio Montefalcone con minestrone e strudel ai frutti di bosco 🙂

Verso Cima Marana

Dopo un breve riposino siamo ripartiti per Cima Marana. Sempre paesaggi e natura bellissimi, nonostante la nebbia. Che però si è diradata verso Cima Marana.

ma queste radici?

Cima Marana è una delle vette più meridionali delle Dolomiti, e una tra le più basse.

1554m slm e una vista spaziale sulle valli del Chiampo e dell’Agno, e un abbozzo di Lago di Garda e Laguna di Venezia nei giorni limpidi.

Peccato ci sia sempre qualche furbo che lascia rifiuti in montagna.

Ho raccolto 5 mozziconi di sigaretta, solo intorno alla croce di Cima Marana.

La discesa verso i Gebbani è stata un po’ impegnativa, la stanchezza si faceva sentire sempre più e anche il male alle ginocchia.

ma quanto mi piace questo percorso!

It’s Going to be Perfect!

vieni con me!

01 02 03 04 05 06 07 08