Get a site
Una Passeggiata per la Vita ad Arzignano

Una Passeggiata per la Vita ad Arzignano

 Ieri ad Arzignano ho partecipato ad una di quelle passeggiate che sono organizzate in Italia durante tutto l’anno ma in particolare in Primavera, quando non è né freddo né caldo e la natura è in fioritura, condizioni ideali per questo tipo di eventi.

walk Arzignano

Sulle Colline di Arzignano

E’ stata una passeggiata tra ciliegi in fiore, vecchie case non ben allineate, incredibili fiori selvatici e un’antica villa in vendita.

Spring Arzignano

Ciliegi in fiore

Normalmente in questo tipo di camminate ci sono diversi percorsi disponibili; ieri per esempio si potevano fare 6, 12 o 18 chilometri. Lungo la via ci sono vari “ristori” dove poter bere e mangiare qualcosa.

walk arzignano

Il sentiero sulle colline di Arzignano

nature Arzignano

Natura lungo il cammino

walk arzignano

Un “ristoro”

Questo tipo di camminate mi son sempre piaciute perché sono un modo per tenersi in forma e scoprire la propria terra; io per esempio non avevo mai camminato prima su quelle colline, a soli 10 km da casa mia. La vista da lassù era incredibile, con tutti quegli alberi bianchi che interrompevano il marrone del bosco. Inoltre, camminare accompagnati da cani che corrono come pazzi dalla contentezza e vedere i bambini che molto pazientemente marciano i loro primi 6 chilometri di fila, è veramente un piacere. Fa bene all’umore. Alla fine dei 18 chilometri camminavo a malapena, ma ne è valsa la pena.

old house Arzignano

Passeggiando tra le vecchie case di campagna

Questa passeggiata è stata particolarmente importante perché era organizzata anche per raccogliere fondi per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica.

Arzignano

Veduta lungo il cammino

walk arzignano

Alla fine della passeggiata questo cane deve aver corso almeno 4 volte la distanza!

Eventi come questo sono un mix di cultura, cibo e socializzazione. Le passeggiate sono un ottimo modo per incontrare vecchi e nuovi amici, passare del tempo nella natura e (ri-)scoprire il tuo territorio.

Arzignano walk

Vista dalle colline di Restena, Arzignano

walk arzignano

Un fiore selvatico: forse un’orchidea?

arzignano walk

Panorama e un contadino: non ci sono domeniche per loro.

Arzignano

Una villa antica in vendita

Arzignano

Ci siamo quasi!

arzignano restena

Arrivati 🙂

 

Nonni

Nonni

Questo doveva essere un blog in cui parlo dei miei viaggi, ma stamattina sono stata a trovare i miei nonni, e non riesco a togliermeli dalla mente.

Nonni

Li ho spiati dalla finestra della loro cucina. La nonna stava leggendo il giornale con i suoi occhiali da lettura più una lente di ingrandimento. Il nonno ha impiegato circa 5 minuti a rimettere il fazzoletto nella tasca dei pantaloni.

Hanno entrambi perso maggior parte della vista e dell’udito; i loro movimenti sono lenti, come quelli di un neonato, e allo stesso modo suscitano tenerezza e compassione.

Ricordo che da bambina venivo a nascondermi qui nel pomeriggio, perché la mamma non mi permetteva di guardare il mio cartone preferito; allora la nonna mi preparava il tè, dolcissimo, con i biscotti; non ho più fatto merende buone così.

Mi mancano la forza del nonno e la parlantina della nonna. Ora tocca a me restituire almeno in parte l’amore e la protezione che ho ricevuto da piccola.

Instagram e la scoperta dell’Italia

Instagram e la scoperta dell’Italia

Negli ultimi mesi sono diventata una maniaca di Instagram.

Voglio diventare famosa così da poter viaggiare gratis e fare un sacco di cose fiche. In realtà se mai ci arriverò (a diventare famosa) avrò ormai 60 anni, ma non importa.

Curiosando per Mel

Curiosando per Mel

E’ diventato il mio Social preferito. Su Facebook leggo troppe cattiverie e minchiate, twitter non lo capisco, google+ è noioso, tumblr è peggio dell’arabo, su flickr nessuno mi caga. Instagram è un social fotografico popolare, per gente comune, mentre flickr è più per professionisti o chi è già abbastanza bravo a far foto. Io sono ancora piuttosto mediocre, quindi mi affido a Instagram, che grazie al formato piccolino e ai vari filtri fa sembrare carini anche i miei scatti.

Mel-3

Veduta della campagna da un terrazzo a Mel

Ma quel che mi piace di più di Instagram è che ha creato una Community. Segui chi ti piace, apprezzi e commenti le foto, vivi le vite degli altri tramite le loro foto, e scopri posti nuovi. Anche dal vivo proprio. Come è capitato domenica scorsa a me. Il profilo di IgersBelluno è stato creato un mese fa circa (ogni città e regione d’Italia ha un profilo ufficiale, approvato da Instagram, dove vengono condivisi gli scatti più belli della propria zona). Per festeggiare gli amministratori del profilo hanno organizzato un “instameet” (un ritrovo tra instagrammers) a Mel, un paesino poco distante da Belluno. E io ci sono andata. Ottima idea.

Il fabbro di Mel

Il fabbro di Mel

Mel è stata premiata dal Touring Club Italiano con la Bandiera Arancione, un marchio che dimostra l’impegno del paese verso un turismo sostenibile, rispettoso dell’ambiente, con l’offerta di prodotti locali, una buona accoglienza, la valorizzazione del proprio patrimonio culturale. Sono 211 al momento i comuni italiani con la Bandiera Arancione. E domenica c’era la loro festa, a livello nazionale. Il marchio Bandiera Arancione è non solo un riconoscimento, ma anche uno stimolo per questi paesi e i loro abitanti a mantenere questi standard e organizzare eventi. E così domenica scorsa in ogni Bandiera Arancione c’era una festa.

Instagrammers in azione

Instagrammers in azione

A Mel si celebrava la festa delle mele (Mele a Mel). I bellissimi cortili privati e i palazzi erano aperti per l’occasione, si celebrava la raccolta delle mele, e tutto il paese era vestito a festa con ambientazione anni 50. C’era una balera con un biliardino e un vecchio bancone del bar, un cinema con film dell’epoca, un gruppo di ballerini, belle donne con vestiti vintage, il fabbro del paese ha aperto la sua vecchia bottega. E ovviamente non mancava da mangiare e da bere.

Taglio della pietra per il mosaico

Taglio della pietra per il mosaico

Non conoscevo Mel, non ne avevo neanche mai sentito parlare. Sarà stato per l’atmosfera di festa, per i bellissimi cortili aperti in esclusiva per noi, per le Dolomiti che le fanno da corona, per la bella gente che ho conosciuto, ma l’ho trovata deliziosa. E tutto questo grazie ad Instagram. Quindi ben venga la tecnologia e ben venga l’isolarsi nel mondo virtuale se ti fa scoprire quello vero che non conoscevi.

Angoli di Paradiso a Mel

Angoli di Paradiso a Mel

Mel-8

Tramonto su Mel

Tramonto su Mel

Ultime settimane: Expo sì o Expo no?

Ultime settimane: Expo sì o Expo no?

Sono le ultime settimane disponibili per visitare l’Expo, che chiude a fine Ottobre.

Probabilmente qualcuno non c’è ancora andato e si chiede se ne valga la pena. E’ difficile rispondere.

Lasciando da parte il fastidio per Mc Donalds che ha un grande spazio dove si può mangiare ed è anche uno dei principali finanziatori (cioè, siamo in Italia, dove ci vantiamo del buon cibo naturale etc e Mc Donalds sponsorizza questo evento basato sul cibo e la buona nutrizione), probabilmente dire di sì. Semplicemente per il fatto che è un evento mondiale che si tiene ogni 5 anni, chissà quando capiterà ancora un’occasione del genere; probabilmente non finché saremo in vita noi.

Io ci sono stata a metà agosto. E’ stata una giornata intensa e stancante, perché c’è tantissimo da vedere e ovviamente quando si è lì si cerca di fare e vedere il più possibile.

A fine giornata pensavo “Wow, che bello! E’ stato come girare il mondo in una passeggiata”. Il giorno seguente, dopo averci dormito sopra, avevo completamente cambiato idea: “Alla fine che ho visto? Cos’ho imparato? Cos’ho sperimentato? Il piatto etiope da 8 euro che dopo averlo mangiato ancora avevo fame? Quanto dev’essere bello il padiglione giapponese visto che la gente è disposta a fare 3 ore di fila per andare a vederlo? Le statuette di legno in vendita in alcuni padiglioni africani, di quelle che si trovano in tutti i mercati del mondo?”.

Abbiamo cominciato dal padiglione dell’Oman, che è stato scorrevole e abbastanza interessante, anche se alla fine non mi ricordo niente. Un po’ di interattività, giochi con le foto e strumenti multimediali, una bella riproduzione di una sala da tè. In Russia siamo saliti sul tetto, da cui si godeva una bella vista dell’Expo. Con 10 euro si poteva anche bere un calice di champagne con del caviale. Beh, non per le mie tasche. Ci sarebbe stata una degustazione di lì a 15 minuti, ma c’era già un gran casino, immagino che solo pochi fortunati sarebbero riusciti ad arraffare qualcosa. Per il Giappone c’era una attesa di 2,5 ore. Il timer a led che lo indicava prometteva bene, ma non saremmo mai riusciti ad arrivarci vicino. Ci siamo tornati fiduciosi alle 7 di sera, sembrava più tranquillo. Eh sì, era chiuso.

La Russia ci sbatte in faccia la sua ricchezza e raffinatezza

La Russia ci sbatte in faccia la sua ricchezza e raffinatezza

Un giro veloce per il giardino della Turchia. Un bell’ambiente, maiolica e caffè turco. Il tutto all’aperto, una piacevole passeggiata.

Armonie e profumi in Turchia

Armonie e profumi in Turchia

Già finita la mattina. Pranzo etiope allora. Poi qualcosa di palestinese, ché sennò si moriva di fame. Bello trovare cucine diverse in uno spazio ristretto, ma a me sarebbe piaciuto provare un po’ di tutto, spulciare di qua e di là. Invece niente. A meno che non ci sia la disponibilità ad investire un bel po’ di soldi, ci si deve limitare a due o tre assaggi. Peccato. Sarebbe stato spettacolare se ci fossero stati assaggini da tutti i paesi o quasi, anche ad un euro, non proprio gratuiti, in modo da poter provare un po’ di tutto. O quel che interessava di più insomma.

Vicino alla zona “cibi africani/medio-orientali” (Bio-Mediterraneo nella cartina) c’erano delle belle gigantografie di George Steinmetz, un fotografo di National Geographic. Molto belle. Nella parte dedicata al caffè invece foto meravigliose di Sebastiao Salgado, un interessante reportage fotografico sulla coltivazione del caffè nel mondo (poi tutti i mini-padiglioni dell’area caffè vendevano souvenir e regalavano depliant turistici, tranne un paio che ti facevano anche il caffè).

Allora Cile. Un bel video di introduzione al Cile e alle sue zone molto diverse, una stanza interattiva di presentazione dei prodotti cileni, un ristorante carino. Beh dai, 1 ora di fila spesa abbastanza bene. Poi Ungheria, visto che non c’era da aspettare. Un’orchestrina ha suonato qualche motivo mentre una coppia ballava, molto suggestivo. Delle belle foto, poco altro.

Prossima destinazione Kazakistan. Altre due ore di fila. Ok, passiamo oltre. Allora Thailandia. Una mezz’ora e siamo dentro. Intanto fuori fanno una dimostrazione di lotta thai, ma noi non la possiamo vedere perché siamo avanti con la fila. 3 stanze nel padiglione Thailandia: nella prima stanza si sta seduti per terra e intorno scorrono immagini dei campi di riso della Thailandia. Bellino. Seconda stanza: si sta tutti intorno ad un buco; di sotto esce un ballerino che porta cesti e intanto girano delle immagini di prodotti thai. Sarà che non sono un’artista, ma non ne ho capito il senso. Terza stanza: un video su quanto è bravo il re thailandese con il suo popolo. Quanto sta facendo di buono per sviluppare l’agricoltura e sfamare tutti. Vera e propria e nauseante propaganda. E il giorno prima c’era stata la bomba a Bangkok. Forse non è proprio così bravo a fare contenti tutti come dice.

Pane. Guardare e non toccare

Pane. Guardare e non toccare

In Brasile ci si poteva arrampicare su una grossa rete. Probabilmente divertente, ma che c’entra con il “nutrire il pianeta?”.

Angola. Interessante e fatto bene. Strumenti usati in agricoltura, coltivazioni, un po’ di pubblicità per il turismo, invito a visitare l’Angola, un paese sicurissimo. Provare per credere. La capitale dell’Angola intanto è la città più cara del mondo. La gente muore di fame, ma c’è il petrolio e chi ha soldi e spende e spande; e così se vuoi visitare paghi anche tu.

Nepal. Ormai sono le 6 e c’è un po’ meno traffico. O forse perché siamo verso la fine del viale e c’è meno gente. Tutti si concentrano all’inizio e in mezzo, dove ci sono anche i padiglioni più interessanti. Quello del Nepal non doveva esserci, perché dopo il terremoto non avevano tempo/voglia/mezzi per farlo. Sono stati aiutati. Non è niente di eccezionale, ma carino, per chi non è mai stato in Nepal. Ricostruzione di un tempio, le bandierine, e i ravioli al vapore più cari del mondo e neanche tanto buoni.

Birretta perché cominciamo ad essere stanchi. Il Belgio aveva tante birre da offrire, ma a che prezzo! 4 o 5 euro per un bicchiere piccolino. Niente, torniamo alla Moretti.

Alle 8 c’è lo spettacolo di luci e musica dell’Albero della Vita. Non male dai.

C’è rimasto poco di aperto, neanche da mangiare, quindi ce ne andiamo. C’è un biglietto ridotto dalle 18 (o dalle 19, boh), ma non so a che serva. Sono 5 o 10 euro, ma 5 o 10 euro sprecati proprio.

Per fortuna io avevo trovato un’offerta per cui abbiamo pagato 40 euro in due anziché una persona sola, altrimenti mi si sarebbe rovinato il fegato un bel po’. 40 euro per 9 ore (apre alle 10 e alle 19 già molti padiglioni sono chiusi) mi sembra un po’ caro. Poi c’è chi si può permettere di passare 6 delle 9 ore in fila (dicono che questo sia il tempo d’attesa per il Giappone nei week-end – e non serve a niente precipitarsi lì appena arrivati, perché è il pensiero che fanno tutti) ma vabbè, ognuno fa quel che vuole.

Magari chi abita vicino a Milano e si è fatto il biglietto per tutta la stagione e quindi ci è tornato varie volte è riuscito ad apprezzarlo molto di più. Io boh. Son contenta di esserci stata perché ero curiosa. Ma l’ho trovato organizzato molto male. Capisco che si debba ricavarci il più possibile, ma bisognerebbe trovare il modo per ridurre l’attesa. Tipo limitare il numero di visitatori o dare la possibilità di prenotare l’entrata ad un determinato padiglione. E poi il cibo. Cioè, un Expo con tema “nutrire il pianeta” e non poter assaggiare le specialità dei vari paesi. Peccato.[:]

01 02 03 04 05 06 07 08