Get a site
Camminata tra Marana e Montefalcone

Camminata tra Marana e Montefalcone

Camminata tra

Marana e Montefalcone

tra nuvole e natura

Domenica scorsa sono stata a camminare con mio fratello sulle montagne dietro casa. 

Volevamo salire a Cima Marana come facciamo più volte l’anno, ma anziché fare uno dei due sentieri più conosciuti, quelli che partono dalla Contrada Gebbani (o Castagna) e salgono direttamente il monte, abbiamo deciso di prendere il sentiero 203, che dai Gebbani va verso Malga le Casoline e poi si collega alla strada che dalla Piatta va verso Montefalcone. 

Il sentiero 203

Prendendo il sentiero che parte tra i Gebbani e i Castagna per salire diretto verso Cima Marana (quello che noi chiamiamo “del coston”), poche centinaia di metri dopo la partenza si trova un bivio che porta a sinistra verso la cima, a destra verso Malga Casoline, che è il sentiero 203. 

Qui eravamo vicini alla Malga Casoline, a circa un’ora dalla partenza.

Il 203 è più lungo e faticoso rispetto a quello che va a Marana da sinistra dei Gebbani, ma è quasi interamente all’ombra e attraversa un bosco bellissimo.

Passo della Porta

Dopo circa due ore di cammino (considerate che non sono affatto allenata) siamo arrivati a Passo della Porta, sulla strada sterrata che collega Campodavanti a Montefalcone.

Anziché proseguire sulla strada per andare verso Montefalcone, siamo saliti sul crinale e abbiamo seguito il sentiero delle creste. 

Solo che dall’altro lato della montagna c’era un gran nebbione e non si vedeva niente.

La vista da lassù è spettacolare.

Lo so perché ho fatto lo stesso sentiero un anno fa, in una bella giornata di sole. 

E allora vi ripropongo le foto dell’anno scorso, per darvi un’idea.

Le creste un anno fa

Si vede Cima Carega con il Rifugio Fraccaroli da lassù, se non c’è la nebbia.

Verso Montefalcone

Ci sarà stata anche la nebbia, ma io ho trovato comunque delle cose meravigliose da fotografare.

Finalmente il Rifugio Montefalcone

Ci è voluta mezz’ora abbondante per arrivare al rifugio dal Passo della Porta, un po’ perché cominciavo ad essere stanca e le salitine mi spezzavano, un po’ perché impegnata a fare foto.

Pranzo al Rifugio Montefalcone con minestrone e strudel ai frutti di bosco 🙂

Verso Cima Marana

Dopo un breve riposino siamo ripartiti per Cima Marana. Sempre paesaggi e natura bellissimi, nonostante la nebbia. Che però si è diradata verso Cima Marana.

ma queste radici?

Cima Marana è una delle vette più meridionali delle Dolomiti, e una tra le più basse.

1554m slm e una vista spaziale sulle valli del Chiampo e dell’Agno, e un abbozzo di Lago di Garda e Laguna di Venezia nei giorni limpidi.

Peccato ci sia sempre qualche furbo che lascia rifiuti in montagna.

Ho raccolto 5 mozziconi di sigaretta, solo intorno alla croce di Cima Marana.

La discesa verso i Gebbani è stata un po’ impegnativa, la stanchezza si faceva sentire sempre più e anche il male alle ginocchia.

ma quanto mi piace questo percorso!

It’s Going to be Perfect!

vieni con me!

La mia infelice esperienza sui Floating Piers

La mia infelice esperienza sui Floating Piers

La mia esperienza sui “Floating Piers”: attese troppo lunghe che potevano essere evitate.

The Floating Piers è una passerella galleggiante sul Lago d’Iseo, opera dell’artista bulgaro-americano Christo. Consiste in 3 chilometri di polietilene coperto di tessuto giallo che collega Sulzano, un piccolo villaggio sul Lago d’Iseo, a Monte Isola e un’altra piccola isola privata. L’opera è gratuita, aperta al pubblico, e transitabile (a piedi o in passeggino) per due settimane circa, dal 18 giugno al 3 luglio 2016.

 

floating piers

Peschiera Maraglio su Monte Isola

Io ci sono stata ieri, nel pomeriggio, perché mi era stato detto che è più tranquillo nel pomeriggio e in settimana, rispetto al weekend. Ieri non lo era affatto. Era da impazzire. Dovevamo immaginarlo visto il traffico che abbiamo trovato lungo la strada che porta al lago. Da casa abbiamo impiegato tre ore anziché due.

Non si può entrare in auto a Sulzano, che è un villaggio piccolino e non potrebbe accogliere tutti i visitatori diretti all’opera. Quindi ci sono diverse opzioni per visitarla: guidare o prendere un treno verso un altro paese lungo il lago e da qui prendere un bus navetta, un traghetto o un treno per Sulzano o Monte Isola. Ma nessuna di queste alternative è tranquilla o garantisce la possibilità di arrivare ai Floating Piers; la maggior parte dei traghetti sono prenotati, i bus sono lenti, i treni irregolari. Noi siamo andati a Marone, a nord di Sulzano, perché la maggior parte della gente parte da sud, da Iseo o Brescia, per arrivare a Sulzano. Ciò nonostante, abbiamo aspettato un’ora prima di poter salire su uno dei treni che collegano Marone a Sulzano, perché Sulzano era troppo affollata e il prefetto ha deciso di non fare più entrare nessuno. E il peggio doveva ancora arrivare; una volta a Sulzano abbiamo aspettato quasi tre ore in fila prima di poter accedere ai Floating Piers. Molto bravi i bambini che hanno aspettato pazientemente per tutto quel tempo, hanno dimostrato una calma maggiore di molti adulti.

Mentre eravamo in fila, ho sentito delle persone che venivano da Bologna; erano partiti alle 7 del mattino e arrivati a Brescia gli hanno impedito di prendere il treno per Sulzano; hanno dovuto aspettare un bel po’ di ore prima di poter ripartire.

 

floating piers

Una Sulzano trafficata e gialla

Siamo finalmente riusciti a mettere piede sui Floating Piers alle 9.30 della sera. E ci siamo potuti rimanere per poco più di dieci minuti perché era tardi e probabilmente l’ultimo treno per Marone era alle 10.20. Dico “probabilmente” perché niente sembra chiaro e sicuro lì. L’orario in bacheca alla stazione di Marone informava che l’ultimo treno per il ritorno era alle 10.20, ma la signora che ci ha venduto i biglietti ha detto che l’ultimo era a mezzanotte. Onde evitare di dover camminare 1 ora e mezza per tornare a Marone, abbiamo deciso di prendere il treno sicuro. Anche perché ci aspettavano altre due ore d’auto per tornare a casa.

E’ stato carino camminare sui Floating Piers, per quanto breve sia stata l’esperienza. Niente di eccezionale comunque; penso che la maggior parte della gente ami l’idea di far parte di qualcosa che è stato pubblicizzato così tanto. E tutti i commenti “esperienza indimenticabile”, “da provare assolutamente”, siano effetto del trascinamento (o effetto-pecora?). A me piaceva l’idea di poter raggiungere l’isola a piedi, quando normalmente si può fare solo su una barca. Mi sarebbe piaciuto potermela godere di più; il programma era di arrivare verso le 5 o massimo alle 6, e camminare un paio d’ore. Ma forse è stato meglio così, perché il mal di mare mi è durato per un paio d’ore.

Floating Piers

10 minutes on the Floating Piers

A cosa è dovuto tutto il successo dei Floating Piers, o perlomeno di tutto questo affollamento? Probabilmente se l’opera fosse lì per due mesi e non due settimane l’affluenza sarebbe stata meno concentrata. Ma allora, perché solo due settimane? E’ perché ha bisogno di molta manutenzione? (doveva essere aperta 24 ore al giorno, invece ora la notte chiudono perché la devono sistemare). O perché sta iniziando la stagione estiva al lago e gli hotel hanno bisogno di calma e di un traffico regolare per i loro clienti? (al momento la zona è off limit quasi sempre). Non lo so.

Comunque, ho appena controllato la videocamera live della piazza del municipio dove ieri ho aspettato due ore, e oggi non c’è per niente fila. Quindi, sono stata particolarmente sfortunata. Vorrei essere andata oggi. Quindi mi fa ancora più rabbia che nessuno mi abbia consigliato di non andarci ieri. Non pretendo che mi chiamassero a casa per dirmi che era affollato. Ma la mattina e anche prima di partire, ho controllato il sito del Floating Piers, dove c’è anche una sezione riservata alle news. L’ultima news risaliva al 25 giugno, e ieri era il 28. Quindi ho immaginato che fosse tutto tranquillo e di poter andare senza problemi. Se fossi stata avvisata non sarei andata e come me molti altri. Magari non quelli che sono partiti alle 7 da casa, ma quelli che vivono abbastanza vicino come me, avrebbero preferito cambiare data.

Ma non è finita qui. Dopo tante ore in fila abbiamo dovuto aspettare anche per prendere il treno per tornare alla macchina. E per andare verso nord ci è anche andata bene, perché abbiamo aspettato “solo” 40 minuti! (il treno era alle 10.40, non alle 10.20 come da orario). La fila per andare verso Iseo o Brescia era lunghissima di nuovo. Perché non hanno organizzato qualche treno in più visto l’affollamento che c’era? Ho avuto l’impressione che l’organizzazione fosse pessima.

Magari non si aspettavano tanta gente, ma avrebbero potuto fare qualcosa per migliorare la situazione. Almeno non far aspettare ancora chi voleva andarsene da questa esperienza irripetibile (perché incredibilmente affascinante o incredibilmente affaticante, decidete voi) che sono i Floating Piers.

Conegliano 1000

Conegliano 1000

[:en]

Conegliano celebrates 1000 years of history

 

Conegliano is a medieval town in Treviso, Veneto, that this year celebrates 1000 years of history.

 

Conegliano

Via XX Settembre, the main road in the old town

 

I visited Conegliano on Sunday June 19th with other Instagrammers. We did a tour of the town and participated to the historical reenactment in the evening.

 

Conegliano

On the way to the castle

 

The first documents of Conegliano date back to 1016. At first there were only some houses, then a castle was erected, on top of the hill, and later a whole village was built around the castle. In the Middle Ages Conegliano was quite important in the trade business, and the many frescoes on the outside walls of the houses of the town testify it. But the frescos have suffered bad damages in the last century, due mainly to the pollution.

 

Conegliano

Details of the main square

 

Conegliano was a walled town with two gates, one of which is still visible while the other has been substituted by two more modern towers; a central lane connected the two gates and cut the village in half. There were 72 towers, of which only 2 have remained. During the Venetian control, the doge thought it would be easier to rule the town if there were no towers, in case its people would uprise.

 

Part of the castle is still there, on the hill, with a great view on the whole town. It now hosts a bar-restaurant and a beautiful garden.

 

Conegliano

The Castle

 

The main square in town is named after Giovanni Battista Cima, better known as Cima da Conegliano, its most illustrious citizen. Cima was born here towards 1460 and became a famous painter after he moved to Venice. He was mainly commissioned paintings of saints, but Cima often used his beloved Conegliano as backdrop for his paintings; his paintings are an important testament of how the town looked like at the time.

 

For the last 30 years Conegliano in the month of June has organized a 10-day long festival, with various shows and events in medieval settings; a dinner with decorations and food from the Middle Ages, a parade in medieval costumes and a live checkers game in historical costumes are the main events. On the Sunday that we were there, we could marvel at the parade, but unfortunately the live game was cancelled due to the rain. People have been working at the festival for months, tailoring costumes and training for the parade and the game; the rain was a real drag.

 

Dama Castellana

Parade in medieval costumes

 

Nowadays Conegliano is the heart of the production of Prosecco, the world-famous sparkling wine. Spades and drawbridges have left place to vines and barrels.

 

You can see more pictures from Conegliano on my Facebook page: 

 

[:it]

Conegliano festeggia mille anni di storia

Conegliano è una città medievale nella provincia di Treviso, in Veneto; quest’anno, 2016, festeggia mille anni di storia.

 

Conegliano

Via XX Settembre, la strada principale del centro storico di Conegliano

 

Ho visitato Conegliano domenica scorsa con altri instagrammers. Abbiamo fatto un giro della città e assistito ad una rievocazione storica la sera.

 

Conegliano

Conegliano

 

I primi documenti di Conegliano risalgono al 1016. All’inizio c’erano poche case, poi fu eretto un castello, sulla collina, e più tardi crebbe un villaggio attorno al castello, che venne fortificato con delle mura. Nel medioevo Conegliano era un punto importante nel commercio, e molti affreschi sui muri delle case lo testimoniano. Gli affreschi purtroppo hanno subito il degrado dovuto al passare del tempo e l’inquinamento.

 

Conegliano

Dettagli di Piazza Giovanni Battista Cima

 

Conegliano era una città murata con due porte, una ancora visibile, mentre l’altra è stata sostituita da due torri moderne; una via centrale collega le due entrate e taglia il villaggio a metà. C’erano 72 torri, di cui solo 2 sono rimaste. Durante il dominio dei veneziani, il doge pensò che fosse più facile controllare la città se non c’erano torri su cui i cittadini potevano rifugiarsi e da cui difendere il borgo; perciò fece abbattere tutte le torri.

 

Parte del castello è ancora lì, sulla collina, con un’ottima vista sulla città. Oggi ospita un bar-ristorante e un bel giardino.

 

Conegliano

Castello di Conegliano

 

La piazza principale è dedicata a Giovanni Battista Cima, detto anche Cima da Conegliano, il cittadino più illustre della città. Cima nacque a Conegliano verso il 1460 e divenne un affermato pittore dopo il suo trasferimento a Venezia. Nonostante gli venissero commissionati soprattutto dipinti di santi, Cima spesso usò la sua amata Conegliano come sfondo dei suoi dipinti, che ora sono un’importante testimonianza di com’era la città al tempo.

 

 

Da circa 30 anni nel mese di giugno Conegliano organizza un festival di 10 giorni con ambientazione medievale; gli eventi principali del festival sono una cena con allestimenti e piatti tipici del Medioevo, una sfilata in costumi dell’epoca e la “dama vivente”, il gioco della dama in cui le pedine sono delle persone vere su una damiera nella piazza principale della città. Noi siamo riusciti a goderci la sfilata, ma sfortunatamente il gioco è stato annullato perché ha iniziato a piovere a dirotto e la pista era anche pericolosa (una sbandieratrice è scivolata durante lo spettacolo). Gli abitanti di Conegliano hanno lavorato per mesi per prepararsi a questa festa, cucendo i vestiti e allenandosi per la sfilata e il gioco; la pioggia è stata una vera guastafeste.

 

dama castellana

Sfilata in costumi medievali

 

Al giorno d’oggi Conegliano (con Valdobbiadene) è il centro della produzione del Prosecco, il vino frizzante che ha ottenuto fama mondiale. Spade e ponti levatoi hanno lasciato il posto a vigneti e botti.

 

Altre foto di Conegliano sulla mia pagina Facebook:
[:]

[:en]A walk in San Zeno[:it]Camminata tra le Contrade di San Zeno[:]

[:en]A walk in San Zeno[:it]Camminata tra le Contrade di San Zeno[:]

[:en]Last Monday (April 25 is Liberation Day, a National Holiday in Italy) I took a walk on the hills near home, in San Zeno of Arzignano, during the local “sagra”, a food and cultural festival that takes place every year in my village.

 

On the hills of San Zeno

On the hills of San Zeno

 

The “sagra” is spread in two weekends and it’s very well organized, considering San Zeno is a very small village. Every day there’s something different in the menu: porchetta (roasted pork), risotto, paella, fried fish, etc. There’s a photography exhibition and contest (I won the third prize this year 🙂 ), a vintage motorbikes show, a music festival for teenagers (I get emotional at hearing these youngster singing with so much passion and talent).

 

The walk takes place on April 25. As usual I loved walking in the nature and seeing the old houses in the countryside. Plus, it’s an occasion to meet new and old friends, your neighbors that you don’t have the chance to meet often. And there’s always some food. At half walk we could eat loads of “panini” with home-made salami, cheese and peppers. A pleasure for the palate and the soul.

 

Below is a short video I made of the walk in San Zeno, hope you’ll enjoy it.

 

[:it]Lunedì scorso (il 25 Aprile, Festa della Liberazione) ho fatto una bellissima passeggiata tra le contrade di San Zeno, il paesino di Arzignano dove abito.

 

On the hills of San Zeno

Sulle colline di San Zeno

 

La passeggiata era organizzata in occasione della sagra che si svolge qui ogni anno. La sagra di San Zeno dura due weekend verso la fine di Aprile, ed è un mix di cibo, musica e cultura. Ogni giorno c’è qualche specialità in cucina (porchetta, paella, risotto, ecc.), c’è un festival di musica (sentire dei giovani ragazzi cantare con tanta passione e talento mi commuove), una mostra/concorso di foto, una mostra di moto d’epoca.

 

La passeggiata si svolge sempre il 25 Aprile. Adoro camminare in mezzo alla natura e tra le vecchie contrade delle colline di casa mia. E’ anche un’occasione per incontrare vecchi e nuovi amici, vicini di casa o di quartiere che non si vedono tanto spesso. E c’è sempre da mangiare. C’è una sosta a metà camminata dove ci si può rifocillare con deliziosi panini con del buon salame fatto in casa, formaggio e vin crinto. Un piacere per il palato e per lo spirito.

 

Qui sotto potete vedere un breve video che ho fatto della camminata a San Zeno, buona visione!

 

 

 

[:]

[:en]VinNatur in Villa Favorita[:it]Vinnatur a Villa Favorita[:]

[:en]VinNatur in Villa Favorita[:it]Vinnatur a Villa Favorita[:]

[:en]Last weekend (April 9-11, 2016) about 150 makers of natural wine introduced their produce in Villa Favorita, in the countryside of Vicenza, in occasion of the event organized by VinNatur. VinNatur is an association of wine producers born in 2006 that every year holds this event at about the same time of Vinitaly, the wine exhibition held in Verona (April 10-13 in 2016), to give its associated the opportunity to showcase their wines.

 

vinnatur villa favorita

Villa Favorita

 

The wines presented at the VinNatur are as natural as a wine can be. There’s a minimal intervention in the making, both in the land, in the grapes and in the wine, there’s no use of chemical additives nor pesticide (for more information, check VinNatur website).

 

Vinnatur Villa Favorita

The Park of Villa Favorita

 

For me, what makes VinNatur so special is that the event takes place in a beautiful ancient villa, Villa da Porto, also called “La Favorita“. The villa was built between 1714 and 1715 for Giovanni Battista da Porto, based on a design by architect Francesco Muttoni.

 

vinnatur villa favorita

Wine tasting with class, in the upper floor of Villa Favorita

 

The wine tasting is inside the villa; the upper floor still displays some frescoes, and gives an idea of the opulence of the villa during its happiest time; the lower floor is more rustic, looks like a cellar with archways. Some producers even brought a piece of the land where their vines grow; it was quite interesting.

Outside the villa there’s a beautiful garden, where a big tent was set up for food and drinks and some live music. Luckily the weather was great, so many people sat on the grass to enjoy their meal and wine, picnic-style.

 

vinnatur villa favorita

The cellar of Villa Favorita

 

On the side of the main building there are two “barchessa”, rural service buildings that were used as stables and host to the farmers’ families. Nowadays the barchessa are quite often more fascinating than the main building.

 

vinnatur villa favorita

Villa Favorita: the “barchessa”

 

Normally Villa Favorita is closed to public, it can only be rented for weddings or events; so the VinNatur is a great opportunity not only to taste some great natural wine, but also to visit this little jewel.

 

[:it]Lo scorso weekend (Aprile 9-11 2016) circa 150 produttori di vino naturale hanno riempito le sale di Villa Favorita, nella campagna vicentina, in occasione dell’evento organizzato da VinNatur. VinNatur è un’associazione nata nel 2006 che ogni anno, in corrispondenza con il VinItaly, la famosa esposizione di vini di Verona che si svolge all’incirca nello stesso periodo (10-13 Aprile nel 2016), dà la possibilità ai propri associati di presentare i loro prodotti.

 

vinnatur villa favorita

Villa Favorita

 

I vini presentati al VinNatur sono il più naturali possibile. L’intervento è minimo, sia sulla terra, sull’uva e sul vino, non si usano additivi chimici né pesticidi (potete trovare ulteriori informazioni sul sito web di VinNatur).

 

 

Vinnatur Villa Favorita

Il giardino di Villa Favorita

 

Dal mio punto di vista, quel che rende VinNatur così speciale è che l’evento ha luogo in una bella villa antica, Villa da Porto, anche detta “La Favorita“. La villa fu costruita tra il 1714 e il 1715 per Giovanni Battista da Porto, su un progetto dell’architetto Francesco Muttoni.

 

vinnatur villa favorita

Wine tasting con classe, al primo piano di Villa Favorita

 

Il wine tasting è all’interno della villa; il primo piano esibisce tuttora alcuni affreschi, e dà un’idea dell’opulenza della villa ai tempi d’oro; il piano terra è più rustico, sembra una cantina con arcate. Alcuni produttori hanno portato anche dei pezzi del terreno su cui sorgono i loro vigneti; piuttosto interessante.

All’esterno c’è un bel giardino, dove è stato sistemato un tendone dove venivano serviti cibo, birra e musica live. Fortunatamente il tempo è sempre stato sereno e molte persone si sono sedute sull’erba a gustare vino e cibo, a mo’ di picnic.

 

vinnatur villa favorita

La “cantina” di Villa Favorita

 

Di fianco all’edificio principale ci sono due barchesse, gli edifici rurali che venivano usati come stalle e abitazioni per i contadini e le loro famiglie. Al giorno d’oggi le barchesse hanno spesso più fascino dell’abitazione principale.

 

vinnatur villa favorita

Villa Favorita: la “barchessa”

 

Normalmente Villa Favorita è chiusa al pubblico, può essere solo affittata per matrimoni ed eventi; quindi il VinNatur è un’ottima opportunità non solo per provare del vino naturale, ma anche per visitare questo piccolo gioiello.

 

[:]

[:en]The Weekly Market[:it]Il mercato settimanale[:]

[:en]The Weekly Market[:it]Il mercato settimanale[:]

[:en]Recently I have re-discovered how pleasant it is to go to the street market.

 

Here in Arzignano the appointment is every Tuesday morning. I remember as a student, I liked to go to the market when I was on holiday, it was an occasion to meet my friends that went to different schools. When I finished school I lost interest in the market, also because I was either in Bologna at uni or at work.

 

artichokes at the market italy

Winter at the market: Artichokes

 

I have always considered the weekly market a place for students or housewives, but recently I’ve found new interest in it as a perfect place where to explore the “local life” of a small town in the countryside of Italy. I think it’s because of my grown passion for photography; photography has helped me look at my hometown Arzignano with different eyes: I appreciate more the old houses, the alleys, the small squares, the lamp posts and the events that take place here. Market included.

 

I work from home, so walking to the market has become for me a good excuse to do some exercise and to see something different from my computer screen. It started as an excuse and has become a weekly need.

 

market italy

Flowers

 

The market as a shopping experience

At the market you can find anything you need: from kitchen utensils to electronic devices, from chinese cheap clothes to last year’s designer t-shirts; but my favorite stalls are those selling food and flowers. The love with which the artichokes are displayed, the inviting smell of fried fish, the cheese from the mountains nearby, the colorful flowers: I love to walk around the stalls and look at their produce and the people.

 

market italy

Loving the Vegetables

 

The People. The street market is also The People. Yes, because going to the market is a different way of doing shopping, much more personal than going to the supermarket or a big shop. You don’t have to wonder around the aisles looking for the socket you need; you can ask the lady which pot is best for your Ossobuco or which plant is more suitable for your terrace; you don’t pick your cauliflower from a basket or the mozzarella from a fridge, you’re helped with a smile by someone that was just waiting for you.

 

The market as a social event

Arzignano is not a very lively town, but on Tuesday mornings it revives: it’s difficult to find a parking lot, you have to wait a bit longer for your cappuccino and you can hardly find a table to sit; there’s a lot of chatting and music and action.

 

Seniors meet their friends at the market instead of the bar where they usually play cards; housewives gossip a bit between a lettuce and a bunch of fresh flowers; Eastern Europe caregivers take their patients to the market and with the occasion meet their nationals; Indian women enjoy a stroll in the sun and buy some clothes for their children.

 

market italy

Meeting friends

 

On Tuesday mornings in Arzignano there’s no ethnic segregation, no Ghanians on one bench and posh Italians sipping spritz aperol at the café. For once, we are all mixed together and we enjoy a moment of distraction and conviviality.

 

You can follow my weekly appointments with the market on Instagram: martedialmercato .

 

More pictures from the market here:

[:it]Recentemente ho ri-scoperto il piacere di andare al mercato settimanale.

 

Qua ad Arzignano l’appuntamento è ogni martedì mattina. Ricordo che da studente amavo andare al mercato nei giorni di vacanza; era un’occasione per vedere i miei amici che frequentavano scuole diverse. Quando mi sono diplomata ho perso interesse nel mercato, anche perché studiavo a Bologna e più tardi lavoravo.

 

 

artichokes at the market italy

Tardo inverno al mercato: carciofi

 

Ho sempre considerato il mercato un posto per studenti o casalinghe, ma da qualche mese ho scoperto che è un ambiente interessante per le mie esplorazioni della “local life” in un paese di provincia. Penso sia stata la mia passione per la fotografia a farmi nascere nuovi interessi; la fotografia mi fa guardare il mio paesino Arzignano con occhi diversi: apprezzo di più le vecchie case, le stradine, le piccole piazze, persino i lampioni, e gli eventi che vi hanno luogo. Mercato compreso.

 

Lavoro da casa, quindi fare una passeggiata al mercato è diventata una scusa per fare un po’ di movimento e vedere qualcosa di diverso dallo schermo del mio computer. E’ iniziato come una scusa ed è diventato una necessità.

 

 

market italy

Fiori al mercato

 

Il mercato come uno shopping diverso

Al mercato puoi trovare tutto quello che ti serve: dagli utensili per la cucina ai congegni elettrici, dagli economici vestiti cinesi alle magliette firmate della scorsa stagione; ma i miei banchi preferiti sono quelli degli alimentari e dei fiori. La cura con cui vengono esposti i carciofi, il profumo invitante del pesce appena fritto, il formaggio proveniente dalle vicine montagne, i fiori colorati: adoro camminare tra le bancarelle e osservarne i prodotti e la gente.

 

 

market italy

Verdure al mercato

 

La gente. Il mercato settimanale è soprattutto la sua gente. Sì, perché andare al mercato è un’esperienza completamente diversa dal fare compere al supermercato o in un grosso centro. Non devi camminare a lungo tra le corsie per trovare l’adattatore di cui hai bisogno; puoi chiedere alla signora quale pentola è più adatta per il tuo ossobuco o quale pianta vive bene sul terrazzo; non prendi il cavolfiore da un cesto o la mozzarella dal frigo, ma vieni aiutato con un sorriso da una persona che stava aspettando proprio te.

 

Il mercato come Occasione d’Incontro

Arzignano non è un paese particolarmente vivace, ma ogni martedì mattina rinasce: è difficile trovare parcheggio, devi aspettare un po’ più a lungo per il tuo cappuccino e con fatica trovi un posto a sedere al bar; c’è un continuo sottofondo di chiacchiericcio e musica e azione.

 

I pensionati incontrano i loro amici al mercato anziché al bar dove giocano a carte; le casalinghe si raccontano gli ultimi gossip tra una lattuga e un mazzo di fiori freschi; le badanti dell’Est Europa portano i loro pazienti al mercato e con l’occasione scambiano due chiacchiere con i loro connazionali; donne indiane si godono una passeggiata al sole e ne approfittano per comprare qualche vestito per i bambini.

 

 

market italy

Amici al mercato

 

Il martedì mattina ad Arzignano non c’è segregazione, non si vedono ghaniani su una panchina e arzignanesi al bar a bere spritz aperol. Per una volta, siamo tutti mescolati a goderci un momento di distrazione e convivialità.

 

 

Potete seguire i miei appuntamenti settimanali al mercato su Instagram: martedialmercato .

 

Altre foto dal mercato:

[:]