Get a site

Foto Racconto: da casa a Santo Domingo

preparazione bagagli

preparazione bagagli

in partenza

in partenza

Il lago ghiacciato di Central Park, New York. Inizia la nostra passeggiatina da Nord a Sud di Manhattan.

Il lago ghiacciato di Central Park, New York. Inizia la nostra passeggiatina da Nord a Sud di Manhattan. Giro veloce per i posti che mi son rimasti impressi dalla mia unica altra visita di quasi 10 anni fa.

caffettino da starbucks

caffettino da starbucks

Times Square.

Times Square.

Bryant Park.

Bryant Park.

La Public Library.

La Public Library.

La stazione Grand Central.

La stazione Grand Central.

L'Empire State Building.

L’Empire State Building.

Notte al JFK.

Notte al JFK.

Plaza Espana a Santo Domingo, una birretta per prender fiato

Plaza Espana a Santo Domingo, una birretta per prender fiato

Il Parque Colon di Santo Domingo, punto di ritrovo per gente del posto e turisti.

Il Parque Colon di Santo Domingo, punto di ritrovo per gente del posto e turisti.

Per le vie di Santo Domingo. Fili.

Per le vie di Santo Domingo. Fili.

La strada principale e pedonale de La Zona Colonial di Santo Domingo, El Conde.

La strada principale e pedonale de La Zona Colonial di Santo Domingo, El Conde.

Una Via, Santo Domingo.

Una Via, Santo Domingo.

Nuova York

10 Marzo

New York: che emozione! Mi è venuto in mente in aereo che avremmo potuto stare un paio di notti qui. Vabbè, ci torneremo con più calma.

I 3,50 USD più ben investiti della mia vita: un caffè e un bel bagno dove fare la pipì e lavarsi le mani. Un divanetto dove riposare i miei piedini stanchi. Una finestrona da cui guardare la gente in strada.

11 Marzo 2014, 6.40 am (11.40 in Italia)

Al JFK in attesa dell’imbarco.

Per aver dormito solo un paio d’ore (faceva troppo freddo il pavimento stanotte!) sono piuttosto in forma. Spero mi diano in fretta qualcosa da mangiare, e qualcosa di decente, se non è chiedere troppo. Per fortuna ieri sera un ragazzo sulla metro ci ha svegliati e ci ha detto che dovevamo cambiare treno per andare in aeroporto, altrimenti saremmo ancora là sopra. Eravamo talmente stanchi che ci siamo entrambi addormentati come sassi. Dalle 4 del pomeriggio (ci è voluto un bel po’ per uscire dall’aeroporto, tra controlli e metro) alle 10 di sera ci siamo fatti tutta Manhattan a piedi, dal laghetto di Central Park, ancora gelato, fino a Chinatown, passando per la Fifth Avenu, il Rockfeller Centre, Times Square, la Central Station (che adoro), e abbiamo anche osato attraversare il Brooklyn Bridge a piedi, come se non fossimo abbastanza sfiniti. Che romantici però 🙂 (in realtà eravamo troppo stanchi per esserlo).

8.30

In aereo verso il caldo. Sono un po’ scomoda per andare in bagno, dovrei chiedere al mio vicino di alzarsi e non ne ho voglia. Ho caldo ai piedi, i pantaloni un po’ strappati (mia mamma si lamentava che avevano due macchie già prima di partire, che sarà mai?) e incollati al sedere. Luca è seduto cinque posti più indietro. Quando mi giro vedo la sua piazzetta lì davanti <3. Chissà come se la cava con le lingue da solo. Siamo in volo da un’ora credo. Non so a che ora siamo partiti perché mi sono addormentata prima ancora che finisse l’imbarco. L’aereo è completamente pieno, soprattutto di neri, non so se dominicani, potrebbero anche essere americani che vanno in vacanza. Dai, portatemi il caffè così posso tornare a dormire. Image

20140318-130032.jpg

01 02 03 04 05 06 07 08