Get a site
Il fascino di Cuba

Il fascino di Cuba

In questi giorni di grandi cambiamenti, il mio pensiero va a Cuba.

E’ stata una destinazione particolare da visitare, piena di sorprese, belle e brutte, e di delusioni, ma sicuramente è un posto come pochi altri ed incredibilmente fotogenico.

Havana Cuba
Avenida Simon Bolivar, una delle strade più colorate di La Havana.

La scorsa settimana la prima nave da crociera salpata dalla Florida è sbarcata a La Havana. Gli americani ora possono ottenere visti individuali per visitare Cuba (mentre prima potevano farlo solo con i viaggi organizzati). Questo sicuramente aumenterà il flusso di visitatori dall’America e inevitabilmente porterà dei cambiamenti.

Quando ho visitato Cuba nel dicembre del 2015 sembrava tutto un po’ finto, era come ci fossero due livelli: quello dove vivono i cubani e quello dei turisti; questi due livelli sono separati e raramente si sovrappongono. I cubani hanno i loro ristoranti e café, i loro taxi e autobus, perfino i loro hotel e spesso (come nel caso delle Casas Particular) i turisti non li possono utilizzare. Ma parlerò di questo più in dettaglio in un altro post.

Mentre giravo per Cuba ero turbata da un sentimento di disappunto (perché più di una volta mi hanno fregata) e di falsità. Le belle aree di La Havana con le caffetterie pittoresche e gli edifici bellissimi, ben ristrutturati per i turisti, contrastano con il resto della città che sta cadendo a pezzi (ne parlo nell’articolo su La Havana).

malecon la havana
Pesca sul Malecon a La Havana

Ora però ricordo con piacere la bellezza che ho incontrato. La sera, una passeggiata sul Malecon di La Havana ripaga da sola il costo del viaggio: la vista del sole che tramonta dietro il profilo dei vecchi palazzi affacciati sul mare è mozzafiato; cubani e turisti si incontrano qui per chiacchierare e flirtare, e tra un bacio e l’altro schivano le grosse onde che invadono il marciapiede; nel frattempo le vecchie auto americane corrono sul viale che costeggia il mare. E’ tutto un insieme da cartolina la cui immagine mi accompagnerà a lungo.

Certamente anche il resto di Cuba ha dei posti spettacolari. Ricordo in particolare la vegetazione lussureggiante di Vinales e gli aratri trainati da buoi. La bambina che danza in un giardino a Trinidad, incurante degli spettatori che si sono radunati attorno a lei. L’atmosfera rilassata della vita da pescatori di Baracoa. Il caloroso benvenuto dei nostri ospiti italo-cubani a Cienfuegos. Il fascino e i colori di Sancti Spiritu, come Trinidad, ma molto più autentica. I giovani cubani che lavorano nei resort di Guardalavaca, e in spiaggia si rilassano e ballano prima dell’inizio del turno. I cubani che chattano con i parenti all’estero nei pochi posti dove c’è il wifi.

sancti spiritu cuba
Amicizie a Sancti Spiritu

Non so come questa apertura influenzerà la sensazione di trovarsi in un altro mondo che si prova viaggiando su quest’isola. Spero che Cuba non cambi troppo, o rischia di perdere tutto il suo fascino.

La Havana

La Havana

[:en]

The smell, the decay, the jineteros: my experience in La Havana

Copia di green car.jpg

 

La Havana is a very interesting and curious town. It has a special charme, but it is also suffocating, with collapsing buildings and a population constantly trying to trick you.

 

The first aspect of La Havana that comes to mind is its smell. Of Gasoline. Pollution. Asphyxiation. You can smell gasoline everywhere: on the streets, in the form of the black smoke puffed out from the old American cars – that have become the symbol of Cuba and made its fortune, but that also suffocate you. On the buses, it’s the gas that comes in from the holes in the floor. In your bedroom, when even on the 5th floor you are awaken in the middle of the night by a terrible smell of gasoline and you have to shut the window and turn the air-con on even if you don’t like it.

 

The decay. It looks like the town might break into pieces at any time. There’s an area around the four squares of Old Havana that has been restored and is really pretty. One block away everything is falling down. From the rooftop terraces of the “case particular” (the accommodation in private families typical of Cuba) and some hotels you can see everything, and the decadence is even more visible. The walls facing the streets sometimes have been fixed and painted, but at the back everything is grey and you can see the holes in the walls, the missing walls, the collapsed walls.

 

Alba dal tetto della casa - Sunrise from the rooftop terrace of our casa particular

Sunrise from the roof of our Casa Particular

 

On our first morning we went to the rooftop terrace of our casa particular. We were jet-lagged, so despite the tiredness at 6 am we were awake. It was lovely though, because we witnessed the sun rise on the roofs of La Havana. And slowly the town also woke up. The air is stuff even in winter (we were there in the month of December, 2015), so most doors and windows are always open and life happens mostly on the terraces or in the streets. And you can look at it while it happens. One man looking out of the window while brushing his teeth; a lady taking some water from the tank to do the laundry on her terrace; a girl sitting in front of her entrance door on a rocking chair with her baby, she turns the TV on and starts breastfeeding her baby. On the lower floor a mum combs her daughter’s hair; once she’s done, the girl watches tv with her siblings until mum says it’s time to go to school.

 

decadenza

Decadence in La Havana: collapsed buildings find new use

 

Jineteros are expert in tricking the tourists; they are very good in convincing the naive foreigners to buy rubbish or to stay in a casa particular or eat in a restaurant where they get a good commission (5 or 10 USD over a 20 USD price).

 

During our first day in La Havana we completely fell for it. Well, they are real experts like I haven’t found anywhere else and they are very good at recognizing the new arrivals. Just a few minutes after we got into the street, we had already bought some cigars. “Today it’s the only day of the month when families are allowed to sell cigars, and they are cheaper than in the factories”. Ok. Done, Thank you. I’m not easily fooled around normally, but this guy was particularly skillful, with his smiles, his jokes, the positive presence. Of course that the next day was “the only day” too. I don’t know of what quality these cigars are, because who understands anything about cigars? I don’t even smoke!

 

Hai una caramella per i miei bambini? - Do you have a candy for my children?

Do you have a candy for my children?

 

In the afternoon an apparently nice girl approaches with us, asks where we come from, smiles, laughs, invites us to Che Guevara’s favorite café (by chance just next to her house) to drink a mojito that will cost us 4 CUC (about 4 euro – 4,50 USD, when at the cafeteria of a 4 star hotel it costs 3 – probably its price for Cubans in a place like this one is less than one CUC), so 12 euro gone (because of course you don’t even need to mention it, but we had to pay for her mojito too; which we didn’t mind, but didn’t like to pay more too). Then to the shop to buy powder milk for the baby (first she asked for 5 packets for about 12 CUC, fortunately at the end she was happy with 2 packets only) because she doesn’t work, the State gives her something every month, but it’s not enough, in two weeks it’s all gone.

 

And you don’t mind buying the milk because it’s better than giving her money that she might use to buy 10 mojitos more (but actually Cubans’ favorite drink is Cuba Libre, mojito is for tourists). No, the milk for the baby is a good and useful thing. But as soon as we waved good bye I remembered I had read somewhere that they ask for powder milk (because it’s easier to convince people to give that then money), but then they resell it. Mmm…

 

La bella faccia di La Havana - the pretty side of La Havana

The pretty side of La Havana

 

The following day we “casually” meet another couple along the Malecon (the seaside promenade) in La Havana, very nice as usual; the guy talks to Luca in a mix of Spanish and Italian; she tells me how great Cuba is with its free education (everyone is graduated, but no one can speak English properly…??), free health system (but if you go to a pharmacy you might not find anything to cure your fever), free security (but everyone lives like in a cage, with grating at doors and windows even on the fifth floor). They took us to a place where an artist sells his work to raise money for a school for autistic children (thanks but I’m not interested) – where you can drink the “negron”, an amazing cocktail that you can find only here (sorry but I’m not thirsty) – and here everything is so expensive, could you buy some powder milk for my baby? (sorry but you’re late for this).

 

The first time you’re approached you’re happy, you think “how nice these Cuban people” (and the guy you’re talking to repeats it himself, as to confirm it). Then you realize that the only Cubans that approach you are those that want to trick you. So even if you don’t want to, your attitude changes, you become defensive and your holiday takes a different hue.

 

Tassisti a La Havana - Taxi drivers in La Havana

Taxi drivers in La Havana

 

Despite the disappointment, I decided to spend three more nights in La Havana at the end of our stay in Cuba. Because, despite its faults, I have never seen a town as fascinating as La Havana.

 

More pictures from Cuba on my Flickr album.

 [:it]

Il profumo, la decadenza, gli jineteros: ecco La Havana come l’ho vissuta io.

Copia di green car.jpg

 

La Havana è una città interessante e curiosa. Ha un fascino come poche, ma è anche soffocante, con le case che cascano e la gente che ti vuole solo fregare.

 

Il primo aspetto di L’Havana che mi viene in mente è il suo profumo. O meglio, odore. Gasolio. Inquinamento. Soffocamento. Il gasolio si sente ovunque: per le strade, sotto forma di fumi neri sbuffati dalle vecchie macchine americane – che sono diventate l’immagine di Cuba e ne hanno fatto la fortuna, ma ti tolgono il respiro. Sugli autobus, dai buchi nella lamiera. In camera, quando anche al quinto piano vieni svegliato di notte da un forte odore di gasolio e devi chiudere la finestra e accendere l’aria condizionata anche se non ti piace.

 

La decadenza. Sembra che la città possa cadere in frantumi da un momento all’altro. C’è una zona attorno alle quattro piazze di La Havana Vieja che è stata ristrutturata ed è deliziosa. Appena si gira l’angolo casca tutto. Dalle terrazze sui tetti delle case particular e di alcuni alberghi si vede tutto, e si nota ancora di più la decadenza. Le pareti che danno sulla strada magari sono state riparate, ma da dietro si vedono il grigio e i buchi, muri mancanti, muri collassati.

 

Alba dal tetto della casa - Sunrise from the rooftop terrace of our casa particular

Alba dal tetto della casa

 

La prima mattina siamo saliti sul tetto della nostra casa. Eravamo ancora con l’orario italiano, quindi nonostante la stanchezza del viaggio, alle 6 eravamo in piedi. Bella l’alba da lì. E un po’ alla volta si è vista la città svegliarsi. L’afa è terribile anche d’inverno (noi ci siamo stati a inizio dicembre), perciò porte e finestre sono sempre aperte e la vita si svolge principalmente sui terrazzi o in strada. Da una parte un signore si lava i denti guardando fuori dalla finestra. Una signora qualche casa più vicina scarica un po’ d’acqua dalla cisterna per lavare i panni. Dall’altra parte una ragazza si siede davanti alla porta di casa sulla sedia a dondolo col suo bimbo; accende la tv e allatta. Al piano di sotto una mamma pettina una bambina, che appena finito si mette a guardare la tv con i suoi fratelli finché non è ora di andare a scuola.

 

decadenza

Decadenza a La Havana: parti crollate di edifici trovano nuovi usi.

 

Gli Jineteros sono i professionisti del fregare i turisti; riescono a convincerli a comprare merce di pessima qualità o a stare in una casa particular o a mangiare in un ristorante dove si prendono una bella commissione. 

 

Il primo giorno ci siamo cascati in pieno. Del resto, sono bravissimi a riconoscere i nuovi arrivati. Pochi minuti dopo essere usciti di casa già avevamo comprato i sigari. “Oggi è il giorno in cui le famiglie hanno il permesso di vendere la loro parte di sigari, e costano molto meno che comprarli in fabbrica”. Ok. Fatto. Grazie. Normalmente non mi faccio abbindolare così, ma questo era proprio bravo, con i suoi sorrisi, le battutine, l’aspetto di chi ti puoi fidare. Peccato che anche il giorno dopo fosse “l’unico giorno”. Di che qualità siano questi sigari non si sa, perché tanto chi ci capisce qualcosa? Io nemmeno fumo!

 

Hai una caramella per i miei bambini? - Do you have a candy for my children?

Hai una caramella per i miei bambini?

 

Nel pomeriggio una ragazza simpatica ci aggancia e comincia a chiacchierare, chiede di dove siamo, ride, ci invita al bar favorito da Che Guevara (fatalità sotto casa sua) a bere un mojito che ci costerà 4 CUC (circa quattro euro , quando al bar di un hotel a 4 stelle costava 3 – probabilmente il suo prezzo normale in questa bettola sarebbe meno di un CUC), quindi 12 euro partiti (perché ovviamente non c’è stato bisogno di parlarne, ma il suo l’abbiamo offerto noi). Poi al supermercato a comprare del latte in polvere per il bambino (era partita con 5 sacchetti a 12 euro, ma per fortuna alla fine si è accontentata di 2) perché lei non lavora, lo Stato le passa qualcosa ma non basta, in due settimane ha già finito la razione mensile.

 

E il latte lo compri anche volentieri perché non è come dare soldi che magari li usa per bere altri 10 mojito (in realtà la bibita preferita dai cubani è il Cuba Libre, il mojito è per i turisti). No, latte per il bambino che è una cosa utile. Poi quando ci siamo salutati mi sono ricordata di aver letto da qualche parte che si fanno regalare il latte in polvere (perché è più facile che convincere a farsi dare dei soldi) e poi lo rivendono. Vabbè. 

 

La bella faccia di La Havana - the pretty side of La Havana

La bella faccia di La Havana

 

Il giorno dopo abbiamo “casualmente” incontrato un’altra coppia lungo il Malecon (il lungomare) de La Havana, sempre molto simpatici; lui parla un mix di italiano e spagnolo con Luca, lei mi racconta di quanto è bella Cuba, con la sua educazione gratuita (tutti laureati che però non sanno parlare inglese … ??), la sanità gratuita (peccato che nelle farmacie non si trovi niente), la sicurezza gratuita (e infatti tutti vivono con delle grate alle finestre e alle porte anche se sono al quinto piano). Ci hanno portati in un posto dove un artista vende le sue opere e il ricavato va a sostegno di una scuola per bambini autistici (grazie ma non mi piace) – dove si beve il negron, un cocktail buonissimo, unico posto a Cuba (grazie ma non ho sete) – e qui costa tutto tantissimo, mi regaleresti mica un po’ di latte per il bambino? (scusa ma arrivi tardi)

 

La prima volta sei contento, pensi “che simpatici sti cubani” (e il tipo con cui stai parlando te lo conferma lui stesso). Poi ti rendi conto che i soli cubani che vengono a parlare con te sono quelli che vogliono infinocchiarti. E allora un po’ ti metti sulla difensiva e la tua vacanza prende una sfumatura diversa.

 

Tassisti a La Havana - Taxi drivers in La Havana

Tassisti a La Havana

 

Nonostante tutte le delusioni, ho voluto passare altre 3 notti a La Havana prima di tornare in Italia. Perché, pur con i suoi difetti, una città affascinante come La Havana io non l’ho vista mai.

 

Altre foto di Cuba sul mio album Flickr.[:]