Get a site
Wow, questa città è meravigliosa! La gente è super ospitale! Un sacco di persone per strada mi fanno le classiche domande, da dove vengo, se viaggio sola, come mi chiamo, se mi piace Janakpur. Un paio di volte mi hanno sorpreso con un “What is the purpose of your trip?”. Lo scopo del mio viaggio? Boh! Ma non sono pesanti, perché quando hanno finito con la lista se ne continuano per la loro strada.
Stamattina in un negozietto dove mi son fermata a bere una coca ho conosciuto un ragazzino molto sveglio. 13 anni, parlava un buon inglese, e mi diceva che la situazione del suo paese non è buona. Siccome gli ho detto che vengo da un posto vicino a Venezia, mi ha raccontato di Marco Polo, nato nel 1254 o qls del genere, che è partito da Venezia ed è andato in Cina, dove è rimasto per 17 anni, diventando buon amico dell’imperatore. Ah, la coca era per uccidere eventuali batteri contenuti nella bibita che ho avuto per colazione. Appena uscita dall’albergo stamattina, alla ricerca disperata di qualcosa da mangiare, ho visto della gente che beveva sto coso giallo, e mi sono incuriosita. Solo che era freddo, non dovrei bere cose non bollite o non in bottiglia. Questo probabilmente era fatto con la loro acqua della fontana e della farina di mais sembrava. Piuttosto denso. Non il mio drink favorito direi. E aspetto cagotto in arrivo any time.
In questi giorni c’è il DIWALI, il festival più importante per gli induisti. Il loro Natale, lo definiscono per spiegarsi. Solo che dura 10 giorni. Domani sarà il giorno più importante, quando migliaia di capre verranno immolate in offerta agli dei in tutto il Nepal. Per molte famiglie sarà l’unica occasione dell’anno in cui mangiano carne. Peccato che mi perderò gli sgozzamenti, ma domani devo uscire dal Nepal perché il mio visto scade. Sarebbe stato interessante.
Comunque è bello camminare per strada. Janakpur è diversa dagli altri paesi del Nepal che ho visto. È piuttosto grigia e polverosa, strade con poche macchine, tante bici e tanta gente a piedi. Ed ho incontrato solo un altro occidentale, australiano. Stamattina mentre camminavo per la strada sentivo preghiere e canti provenire da altoparlanti. Mi sono seduta sugli scalini di un tempio, circondato da tanti piccoli altari, ed osservavo la gente intorno a me. Una famiglia (l’uomo vestito di un bianco immacolato) è entrata con una scorta di uomini armati. Nei templi sacerdoti vestiti di stracci, magrissimi; donne con braccialetti ad entrambe le caviglie e piedi rossi. Un tizio vende giornali ed altri leggono lì intorno, seduti sugli scalini del tempio pure loro. Una mucca attaccata ad una colonna del tempio. Con la fronte rossa pure lei. Un tizio che mugugna mentre prega. In un altro tempio due tizi vestiti di bianco seduti per terra che parlano, uno con un gran barbone grigio, e il solito striminzito che porta loro acqua per lavarsi le mani. La mucca è sacra per gli induisti. È considerata la “madre” degli induisti, mi sembra di aver capito da un tizio sul bus ieri. Poveri induisti, chissà come si sentono quando emigrano in Europa e vedono il trattamento riservato alla loro bestia sacra… Ce ne sono così tante che vagano in giro per la città, sembrano a passeggio pure loro; la gente ci cammina intorno, perlopiù ignorandole, a volte si fermano a mettere la polvere rossa (il tikka) sulla loro fronte. Son belle ste mucche bianche con la fronte rossa. Mi chiedo se hanno un proprietario e come fanno a ritrovarle?
Stamattina sono stata al Janakpur Women Development Centre, vicino al villaggio Mithila di Kuwa. Interessante. Il centro è stato fondato nel … ‘89 mi sembra? Vi lavorano le donne del villaggio, poverissimo, che hanno così la possibilità di crearsi uno spazio fuori dalla sfera di influenza del marito. Fanno porcellane, tappeti, borse. Vendono soprattutto a turisti, ma anche esportano, pure in Italia, ma la tizia non ha saputo dirmi dove. Ho comprato una tazza (boh, c’ho sta cosa per le tazze), e degli specchi da attaccare sui muri … Avrei voluto spedirmeli a casa, ma l’ufficio postale non è proprio come quelli che si trovano in Europa. Non c’era assolutamente niente, non buste o pacchi da poter comprare, solo uno sportellino da cui mi hanno detto che per legge non potevo spedire “glass”, perché si rompe e non si vogliono assumere la responsabilità immagino. Vabbè, proverò a mandarli dall’India. Peccato, sarebbe stato bello avere una busta con un francobollo e timbri nepalesi..
Appena uscita dal post office sono stata invitata a casa di una famiglia per un tè. Che poi si è trasformato in maiale con riso soffiato e verdure, e un bicchiere di pompelmo. Io avevo appena pranzato, ma come potevo rifiutare? La mamma mi ha pure regalato dei braccialetti e una collanina. Penso volesse che mi portassi in Italia suo figlio ventenne. Era una famiglia benestante, rispetto alla media nepalese, tutti i figli erano stati all’università, uno di loro lavora nell’esercito, l’altro a Kathmandu per Qatar Airlines. Ma io son pur sempre occidentale, quando lavoro guadagno in un mese quello che loro guadagnano in 4. Era loro dovere invitarmi, mi hanno detto, perché sono “ospite” in Nepal. Volevano anche che mi fermassi a dormire con loro, volevano presentarmi al padre, che ancora non era tornato dal lavoro, e ad un altro dei fratelli. Per fortuna avevo la scusa di aver lasciato il mio zaino in albergo…
C’è un sudoku sulla pagina del Kathmandu Post che hanno usato per incartare i miei specchietti. E ho paura a scoreggiare, nel caso mi sia arrivata la diarrea.
Nel pomeriggio sono andata al Janaki Mandir, un tempio che la Lonely Planet paragona al Taj Mahal. Bellissimo in effetti, diverso da tutti gli altri templi che ho visto in Nepal. Dedicato a Rama e Sita, marito e moglie. Le donne indossavano i loro sari più belli per l’occasione. C’era pure un tipo con un lenzuolo bianco tra le gambe e i capelli raccolti in una coda, bel selvaggio, come piace a me. Non so se fosse un sacerdote o se stesse studiando per diventarlo, ma è passato un paio di volte per il cortile del tempio portando legna. Mentre stavo lì seduta ad ammirare la gente intorno a me, continuavano ad approcciarmi persone. Le solite domande. Un tipo però si è distinto dalla massa. Mi ha fatto un vero e proprio interrogatorio. Libro favorito, hobbies, films etc. Mi ha chiesto cosa penso della situazione politica del Nepal. Boh? Dimmi tu. Non molto buona dice. Ce l’ha con i maoisti, che nonostante siano riusciti a entrare a far parte del governo, non sono ancora contenti e vogliono governare da soli e causano un sacco di casini. Sono come HitlerS, diceva. Gli piaceva dire “it means”, “vuol dire”. Tipo “do you eat meat” – yes. “It means you are not vegetarian”. “Do you speak nepali?” – no. “It means you cannot understand nepali”. Molto acuto nelle sue osservazioni. Boh, forse sentiva il bisogno di sottolineare qualcosa. Mentre mi parlava non riuscivo a smettere di fissare il sudore che gli si era formato tra il naso e la bocca. Molta gente qui si lamenta del governo. Dicono che è corrotto e si intasca il 95% degli aiuti internazionali. Peccato. Il Nepal avrebbe bisogno di un buon governo che faccia riprendere l’economia. La gente merita di vivere una vita migliore.
La sera mi son fermata a bere una spremuta di arance minuscole e ho visto che tutti prendevano una bibita bianca, un po’ densa. Ho scoperto che era un curd lassi (frappè di non so cosa, sapeva di yoghurt bianco e limone). Buonissimo. Chissà come lo fanno. Rinfrescante, fa proprio piacere con il caldo che c’è qua. Ci son tornata dopo cena (a base di pesce fritto salatissimo) e ne ho bevuti altri due. Chissà se riuscirò a bere lassi anche in India?
Beh, sono stata sorpresa dall’ospitalità e simpatia della gente di qui. All’inizio pensavo fossero un po’ indiani, intrusivi e curiosi, ma in realtà sono stati una piacevole compagnia durante questa mia giornata in giro per il paese.
01 02 03 04 05 06 07 08