Get a site
Pochi minuti fa ho comprato delle ciunghe (= gomme da masticare). 1.6 centesimi di euro per ciunga. 0.16€ per 10. Le Alpenliebe costano la metà. Vendono le ciunghe singolarmente, a pezzo, come le sigarette. Immagino sia perché la gente non ha soldi per comprarsi pacchetti interi. Mi sono fermata a quella particolare botteghetta perché c’era una signora alla cassa. Non si vedono molte donne nei negozi. Il figlio mi ha confermato che è una società maschilista, le donne stanno a casa a cucinare e badare ai figli.
Giornate intense a Jaipur. Ieri mi sono ritrovata con Vishal, uno dei ragazzi che avevo conosciuto il primo giorno. Mi ha fatta salire sulla sua Royal Enfield e mi ha portata a casa di un amico che stava celebrando il matrimonio. Le Royal Enfield sono delle motociclette tipo chopper che son state portate in India dagli inglesi e che da molti anni non vengono più costruite in Inghilterra, mentre in India ancora vanno alla grande. La prossima volta che torno in India me ne compro una e torno in Europa in moto. Ora non lo posso fare perché a quanto pare il visto per il Pakistan si può solo ottenere all’ambasciata del proprio Paese d’origine (questo da quando ci son state le inondazioni in luglio-agosto). Beh, bello girare sulla Royal Enfield. Non come i rikshò. I rikshò sono delle carrozze piccoline montate su delle biciclette, che a parole evocano immagini di regine e principesse. In realtà sono senza ammortizzatori e sulle strade indiane tutte spaccate e piene di buchi è più una tortura che un piacere starci sopra.
Il matrimonio a cui sono stata era al suo 5° giorno credo. La neo sposa viene dalle parti di Agra, hanno prima celebrato 4 giorni a casa sua, poi son venuti a Jaipur per celebrare 3 giorni con la famiglia di lui. La sposa deve avere sui 28 anni, mi ha detto il marito. O così credeva lui, non lo sapeva di preciso. Gliel’ha chiesto con me lì davanti. Ne ha 26. Un po’ vecchietta per la media indiana mi sembra. L’ha vista per la prima volta il giorno del matrimonio, prima si erano sentiti al telefono per 2 mesi. Ogni giorno. Io non ho visto il viso della sposa per mezzo secondo. Era sempre coperto dal velo. Si vedeva che era timida, stava sempre rannicchiata anche quando stava in piedi. Probabilmente era anche spaventata perché ha lasciato la famiglia per entrare in quest’altra famiglia di cui non conosce nessuno. Neppure il marito. Penso che si siano visti in faccia per la prima volta quando già erano sposati e lui ha potuto alzarle il velo. Spero si trovino bene; lui sembra un tipo a posto e divertente, anche se severo con i bambini. E viaggia spesso per lavoro, quindi è di mentalità abbastanza aperta. Mi ha confidato che nell’ultimo mese si è mangiato tutte le unghie dal nervoso. Perché non era sicuro di fare la cosa giusta, nello sposarsi. Ma la famiglia ha insistito. In realtà lui ha una ragazza, in Canada, che però non si vuole sposare e non ha intenzione di vivere in India. Lui non può vivere lontano dalla madre e così ha dovuto cedere alla volontà della famiglia. La ragazza in Canada ancora non lo sa che si è sposato. Gli tremavano le mani anche. Lui diceva per la tensione, ma Vishal ha detto che gli piace bere. Ha smesso da una settimana perché non può bere con una moglie. Quanto durerà?
Siamo stati ad un tempio a pregare per una vita lunga e felice per la nuova coppia, una processione di donne solo. Forte perché io ero come l’ospite d’onore, continuavano a chiamarmi e si mettevano in posa per le foto (soprattutto i bambini, erano sempre in mezzo). Alle 9 di sera finalmente mi hanno offerto da mangiare. Stavo morendo di fame. Loro cenano verso le 10 di solito, mi hanno detto. Wow. Riso biriani, chapati (pane con lenticchie schiacciate dentro credo) e un pugno di verdure al curry. Tutto molto buono. Avevano promesso di farmi l’henna sulle mani ma non c’è stato tempo, peccato. Poco prima di andare ho aiutato a preparare la “camera” da letto (uno sgabuzzino tinto di fresco, senza materasso perché quello lo deve portare la moglie). Ghirlande di fiori e petali sul telo messo per terra. Era la loro “golden night” ieri. Costa molto sposare una figlia o sorella. La famiglia deve dare soldi e vari accessori come dote. Però poi sarà mantenuta dal marito per il resto della vita dai. Ho portato 3 rose io agli sposi come regalo. Mi son costate 0.45€.
Stamattina mi dovevo trovare alle 10 con Vishal per fare colazione. Io sono arrivata sul posto alle 10.10. Dopo due minuti che aspettavo me ne sono partita. Non è che mi dispiacesse perdere l’appuntamento. Mi ha trovata per strada dopo un po’. Nella mezz’ora che sono stata sola mi hanno fermata 3 uomini. In ordine, un commission guy mentre facevo colazione a base di ceci e pane (ha ammesso lui che prende il 20% delle vendite quando porta un turista in un negozio), un autista di rikshò e un motociclista. I pirmi due mi hanno avvertito delle fregature che si rischiano a Jaipur. Sembrava il soggetto delle discussioni di oggi. Sarà che è domenica? Boh. Ne parla anche la Lonely Planet comunque. Ci sono persone che ti propongono di iniziare un business di importazione di gemme al tuo paese e che poi si rivela una bufala (Jaipur è famosa per pietre e argento, e io non mi sono comprata neanche un anello!). Quando sono riuscita a liberarmi del motociclista, il ragazzo del rikshò si è riavvicinato a me e mi ha chiesto se il tipo si era offerto di accompagnarmi fino alla città antica, dove lui era diretto per incontrare degli amici. Erano le esatte parole che mi aveva detto il motociclista. Li conoscono tutti i loro trucchetti.
Quando Vishal mi ha ritrovata per strada mi ha portata a bere un caffè da un amico. In un negozio di gioielli. Ecco, pensavo, son caduta nella trappola. Invece non si è parlato di pietre per mezzo secondo.  Il tipo era anche simpatico. Il negozio oggi che è domenica è chiuso, ma non gli piace bere davanti ai figli, così si rifugia lì tutto il tempo. È un alcolizzato, nella mezz’ora che siamo stati lì ha bevuto due bei bicchieri di whisky con acqua. Ha 4 maschi e una femmina, la più piccola, che ha 9 anni. Il figlio più vecchio ne ha 24. La moglie è morta di emorragia durante l’ultimo parto. Ora cresce lui i figli, da solo. Non so come li cresca, se passa il tempo nella sua botteghetta a bere. È un peccato perché è un tipo pacato e gentile, parla un po’ di italiano perché lavora con degli italiani.
Il programma di oggi era di tornare dai neo sposi così che potevo cucinare qualcosa con la mogliettina, ma ho chiesto a Vishal di scusarmi con loro. Non c’avevo voglia di andare e ancora mi mancavano un paio di cose da vedere in città. Ho salutato Vishal. Tutto il tempo che sono stata con lui ero un po’ sul chi-va-là, ma si è dimostrato un tipo a posto e interessante. Amante di film. Un po’ mi è dispiaciuto lasciarlo, ma gli ho spiegato che sono una solitaria e mi stanco a stare troppo tempo con la gente. Sembra aver capito. Dopo due lassi e un caffè mi son rimessa per strada in direzione della città vecchia e ovviamente mi ferma un altro. Con la frase d’approccio tipica della città. Can I ask you something? Non so perché mi son fermata. Gli ho spiegato che ci scocciamo a parlare con gli indiani perché abbiamo anche altre cose da fare che parlare tutto il tempo con loro. Alla fine ci son stata un’ora a parlare con lui. Mi ha offerto il solito chai. Dice che mi ha fermata perché mi ha vista sgatarrare (spero di perdere l’abitudine quando torno in Italia), emano una bella energia (anche questo complimento tipico) e gli piaceva il mio sorriso. Il mio sorriso con naso largo, bocca storta e mento in fuori? Boh. Raj. Vive a Brighton, sulla costa a sud di Londra. Lavora anche lui con pietre e argento. Sono tutti un po’ filosofi in India, mi piace questo. Mi ha raccontato un po’ di cose che avevo già sentito. Tipo che uomini e donne son diversi. Gli uomini son fisicamente più forti ma le donne hanno personalità e forza di volontà più forti (mah, non è sempre vero secondo me). Di nuovo mi ha detto che le donne riescono a vedere ad un raggio più ampio perché così mentre lavorano possono tenere d’occhio i bambini. Gli uomini invece vedono più lontano (non lo sapevo). Mi ha anche istruito su un paio di cose curiose. Tipo, perché le mucche sono sacre? Perché sono calme e pacifiche, non hanno paura di niente e di nessuno. Si mettono in mezzo alla strada, tra il traffico e le macchine, a mangiare o riposare, e non le muove nessuno. Viaggiare e fare cose nuove fa bene allo spirito, dice. Come quando si indossa un vestito nuovo per la prima volta, dà un senso di piacere. Mi piace.  
Questa loro cultura viene trasmessa di generazione in generazione in famiglia, da nonni e amici dei nonni ai nipoti, e dai loro guru. Ognuno ha un guru in India. Un po’ come i padri confessori da noi immagino. Non è il primo che mi dice che italiani e indiani sono simili (non lo dire ad un arzignanese però, volevo avvertirlo). Perché ad entrambi piace fermarsi per strada e parlare. Forse è vero in alcune parti d’Italia magari, non da me. Quando giro in bici per Arzignano vedo solo neri africani sui loro portici e indiani in piazza. Non molti italiani. A quanto pare agli indiani piace parlare con gli stranieri per imparare qualcosa della loro cultura, ma non so come si aspettino di farlo se parlano loro tutto il tempo. Anche Raj; era interessante, ma dopo una mezz’ora ero rincoglionita dal troppo ascoltare. Però ho accettato di incontrarlo dopo che avrei visitato il “Wind Palace”. 
Simbolo della città, il Hawa Mahal, o “Wind Palace”, è meraviglioso. Costruito da un maraja per Krishna, è pieno di finestrelle per permettere alle donne di spiare la vita in strada senza essere viste (tristezza). 
Alla fine Raj non si è presentato e ceste, me ne son venuta a cena. Per strada mi  son fermata a bere un chai e dopo qualche minuto si è formato un gruppo di curiosi. Bello. Bella gente. Mi piace quando si fermano senza essere asfissianti.
Mentre scrivevo al ristorante si è seduto un uomo al mio tavolo. Un bianco per una volta. Alfredo, sui 45 anni direi. Nato in Venezuela, ma dall’età di 14 anni vive in Europa. Al momento sta a Nizza. Suona la chitarra in strada. Cresciuto Hari Krishna. Dondola già la testa come gli indiani, dopo 3 mesi che sta qui. Il suo volo è pure il 23 Dicembre. Mi ha invitato ad andare a trovarlo alle Isole Canarie quest’inverno. “Ma mi hai appena detto che vivi a Nizza!”. Sono un hippy, non vivo da nessuna parte, mi ha risposto. E vivi dappertutto, ho aggiunto io.
Tra qualche ora ho un bus per Bikaner, a Nord del Rajasthan, vicino al Thar Desert. Non mi piace molto viaggiare in bus, ma è difficile trovare posto in treno. Gli autobus che uso io (ovviamente quelli più economici) sono tipo la versione più vecchia dei bus dell’FTV. Sedili non ribaltabili, ammortizzatori rotti, finestrini che non si chiudono. La prima volta che ho preso un bus, vicino a me si è seduto un tipo che pesava sui 150kg. Sorprendentemente son riuscita a dormire, anche se mi sveglio ogni due ore, quando si ferma per pipì e chai. Speriamo in bene stanotte.
01 02 03 04 05 06 07 08